Rally sullo zucchero: pronti al primo ritracciameto

$0.01

0.07 $ earned

35 views

Click to zoom in
christian ciuffa
christian ciuffa added a new post
2 years ago

Salve a tutti,
lo zucchero ha passato dei periodi veramente poco piacevoli, ai minimi storici da oltre un anno, dovuto sia da un iper produzione da parte degli stati produttori rispetto alla richiesta e ad una ristretta produzione di bioetanolo brasiliano che aumentava la richiesta di qualche punto percentuale.
Lo zucchero è prodotto principalmente in Brasile, in India, Unione Europea e Cina.
l’Unione Europea, produce lo zucchero bianco ed importa lo zucchero di canna la quale larga maggioranza degli scambi avviene presso il CSCE , mercato che dipende dal NYMEX di New York Viene quindi quotato in dollari statunitensi. Infatti l’unico zucchero scambiato in Borsa a New York è lo zucchero di canna, derivato dalla produzione di canna da zucchero che ogni anno vengono scambiato oltre 15 milioni di contratti e di opzioni sullo zucchero.
Inoltre oggi viene utilizzato in minima parte anche per altri scopi oltre quelli alimentari. si guardi nella produzione del bioetanolo, un biocarburante la cui produzione maggiore è costituita da quella attuata in Brasile. In Brasile il prezzo del petrolio può influire sulla produzione di bioetanolo, poiché quest’ultimo nasce proprio come alternativa economica ed ecologica al petrolio stesso. Inoltre rappresenta il maggiore produttore di zucchero al mondo, seguito da India e Cina, perciò gli effetti del costo del petrolio si riflettono in parte anche sul prezzo stesso dello zucchero.
Quindi dato importante è rappresentato dagli ultimi 5 anni in cui la quotazione dello zucchero ha conosciuto un forte ribasso sulla Borsa di New York, ma sembra che ora la situazione sia leggermente cambiata.

Inoltre col greggio ai massimi di periodo, con le scorte ridotte al minimo storico, lo zucchero ha potuto risollevarsi dall’impasse dell’ultimo periodo facendo un rally quasi atteso.

Dal punto di vista tecnico possiamo intravedere una continuazione del trend almeno ad arrivare sulla soglia di forte confluenza statica tra i 15.24 e il livello 127% dell’estensione di Fibinacci sul medio breve periodo.
Confermando la scia macroeconomica possiamo concludere la nostra analisi con un rafforzativo dovuto al greggio forte e ad una domanda sulla produzione che sembra tornare a dare respiro a questa materia prima.

Christian Ciuffa

  • 0
  • Comment
    0
ADD IMAGE